Emozioni da coltivare

Le emozioni sono al centro del nostro mondo e dipingono un quadro multicolore, dalle tinte ora forti ora più sfumate, della nostra vita. Mentre si parla molto di come gestire le emozioni negative, il tema delle emozioni positive viene affrontato più raramente, e forse con meno passione, nonostante queste ultime abbiano il potere di renderci felici, se coltivate in maniera adeguata. Il motivo principale per cui si parla poco delle emozioni positive è che sono più difficili da ricordare, rispetto alle altre: i momenti in cui proviamo gioia, in genere, non ci rimangono impressi quanto quelli in cui ci sentiamo arrabbiati o spaventati. Un altro motivo si può ricondurre al fatto che la differenza tra le varie emozioni negative è molto evidente, mentre le emozioni positive non sono altrettanto facilmente distinguibili, anche dal punto di vista delle espressioni facciali.

"Inside Out" film di animazione

Quest’ultimo aspetto è ben evidenziato nell’originale film di animazione “Inside Out”, che ha per protagoniste le emozioni di una ragazzina: mentre quelle negative sono quattro (rabbia, paura, disgusto, tristezza), c’è solo un’emozione positiva, la gioia, dalla quale discendono tutte le altre. Quali sarebbero, però, queste “altre”? Può essere utile provare a distinguerle. Qui di seguito ne elenco dodici in ordine alfabetico, dall’Altruismo alla Speranza: ciascuna descrizione contiene un semplice suggerimento sul modo in cui è possibile valorizzare l’emozione stessa.

Altruismo. Secondo molti psicologi è proprio l’egoismo a suscitare in noi le emozioni negative, mentre aiutare gli altri ci rende felici. Scegliete ogni giorno una persona che potrebbe aver bisogno del vostro aiuto e donatele un po’ del vostro tempo.

Amore. E’ l’emozione che tutti gli esseri umani ricercano e si aspettano di provare nella vita. Tuttavia, per poter ricevere amore occorre prima di tutto imparare a coltivarlo dentro di sè: fate un bilancio delle vostre giornate e provate a ricordare i momenti in cui siete riusciti a donare amore a voi stessi, a qualcuno o a qualcosa.

Curiosità. Esiste una curiosità positiva che ci spinge ad esplorare nuovi mondi, dentro e fuori di noi. E’ così che ci si mantiene vivi! Approfondite la conoscenza di un argomento che vi interessa. Provate, inoltre, ad intessere relazioni con persone da cui vi sentite attratti a livello mentale o con le quali condividete delle passioni.

Divertimento. E’ quel brio che ci permette di infrangere la routine quotidiana. Fate una lista delle cose che vi divertono e ogni giorno concedetevi uno spazio in cui inserirne almeno una. Dedicate più tempo alle persone che vi fanno sorridere.

Fierezza. E’ quella consapevolezza di voi stessi che vi permette di apprezzare e valorizzare le vostre qualità positive. Ditevi con chiarezza ogni giorno, magari guardandovi allo specchio, che cosa vi rende orgogliosi di voi.

Gioia. Si sperimenta, in particolare, giocando. Trovate compagni di gioco vecchi e nuovi. Inoltre, mettetevi in gioco in tutti i modi, ad esempio superando il vostro riserbo e dicendo alle persone che amate quanto siano importanti per voi. Per riuscire a provare gioia, infatti, bisogna avere il coraggio di infrangere le barriere innalzate dall’ego.

Gratitudine. Permette di apprezzare ciò che si ha e può rendere luminosa anche una giornata “no”. Per attivarla potete provare l’esercizio “delle tre benedizioni”: ogni sera pensate a tre cose buone che sono accadute durante la giornata, e cercate di individuare le cause che hanno prodotto quei benefici effetti.

Ispirazione. Ci fa sentire creativi grazie ad una scintilla che si accende dentro di noi. Proviamo questa emozione anche quando siamo in presenza di una persona che eccelle in un certo campo. Date spazio ai vostri sogni. Fissate un obiettivo e individuate una persona che possa ispirarvi nel realizzarlo. Chiedetevi come potete ispirare gli altri.

Meraviglia. La proviamo di fronte a qualcosa che ci stupisce per la sua bellezza. Scovate ogni giorno una piccola meraviglia: un fiore, una pietra, un’immagine, una poesia, un luogo… Scrivete le vostre meraviglie quotidiane su un diario: io lo faccio anche tramite questo blog e vi assicuro che ne vale la pena!

Serenità. E’ un antidoto allo stress e ai cambiamenti che ci mettono in difficoltà. Ripetete spesso la frase “Voglio solo sole”: richiama in voi l’energia di questo astro che, qualunque cosa accada, non smette mai di splendere e di dare la vita. Vi aiuterà a pensare che tutto va bene così com’è.

Soddisfazione. Porta ad instaurare ottime relazioni e ad affinare sempre più le nostre competenze. Spesso non siamo soddisfatti dei traguardi che abbiamo raggiunto perchè ci concentriamo troppo sui dettagli che ancora non vanno bene. Opponete ogni giorno, a un’osservazione critica su voi stessi, un particolare di cui invece vi sentite soddisfatti.

Speranza. La si può chiamare anche “fiducia”. E’ un potente faro in grado di illuminare anche i periodi più bui. Per amplificarla sempre di più, cercate di passare il vostro tempo con persone ottimiste: parlate loro delle situazioni della vostra vita che vi appaiono prive di speranza e ascoltate con attenzione ciò che vi consigliano.


Desidero concludere questo articolo parlandovi di una suggestiva ricerca dell’Università di Turku in Finlandia che ho scoperto per caso e che mi ha davvero… emozionata! Settecento volontari sono stati sottoposti ad una varietà di stimoli cui hanno risposto manifestando differenti emozioni. Queste ultime sono state registrate e connotate cromaticamente in relazione agli effetti che producono sul fisico: il giallo manifesta la maggiore intensità emozionale; il rosso indica una risposta di media intensità; il blu evidenzia scarsa o nulla sensibilità agli stimoli. Il nero indica invece lo stato neutrale che si ha in assenza di stimoli. Osservate l’immagine che segue: di certo vi farà riflettere.

I colori delle emozioni

Notate ad esempio come la tristezza (sadness) produca una colorazione blu nelle gambe e nelle braccia, come se ci impedisse di muoverci, e come la depressione – senza dubbio l’emozione peggiore che si possa provare – renda blu e nero, cioè totalmente inerte, tutto il corpo. L’amore invece ci “illumina”, letteralmente: l’emozione più potente dell’Universo colora il torace di un giallo che diventa sempre più chiaro – fino a sfociare nel bianco – via via che ci si avvicina all’area del cuore. Non vi sembra stupendo? 💗

Coltivate quindi ogni giorno – anche partendo dalle piccole cose – le emozioni positive: il vostro corpo ne trarrà grande giovamento, donandovi nuova energia e una rinnovata voglia di vivere e di provare emozioni… e così via, in un meraviglioso circolo virtuoso!